Curvy di moda con Barbara Christmann

Barbara Christmann e la moda curvy sono un binomio imprescindibile.

Nata come giornalista di moda Barbara crea Beautifulcurvy nel 2012 per dare voce a donne che il mondo della moda non tiene in considerazione.

Il blog vuole parlare alle donne vere, non importa quale sia la taglia o l’età. Le donne vogliono riconoscersi in quello che sentono vicino, gli stereotipi delle modelle magrissime non rappresentano tutte le donne. Stare bene con se stesse è l’obiettivo principale, rafforzare la propria autostima per accettarsi e sentirsi belle così come siamo sono gli obiettivi di Barbara.

Questa è anche la mission di Not Only Twenty, per questo motivo non potevo non parlarvi di Barbara Christmann.

La bellezza non ha soltanto la forma delle ragazze magrissime, ma può avere forme diverse, le donne curvy sono una delle forme della bellezza.

A chi le chiede se esaltare le modelle curvy non sia altrettanto pericoloso per le giovani, come il dover rispecchiare i canoni della magrezza, Barbara risponde in modo chiaro; le donne curvy sono donne con forme morbide che partono da una taglia 44 fino ad arrivare a una 50. Oltre la taglia 50 inizia il mondo del plus size che è diverso dal curvy. Infatti le donne curvy sono attente alla propria alimentazione, fanno attività fisica  e si prendono cura di sè.

 Barbara Christmann e le modelle dalle taglie curvy

Nel 2012 Barbara crea anche il Calendario Beautiful Curvy, ogni anno vengono selezionate ragazze e donne (fino ai 40 anni) che si mostrano in biancheria intima e costumi davanti all’occhio capace del fotografo di moda Stefano Bidini. Le foto colgono sorrisi, accettazione di sé, gioia, complicità, dando un’immagine vera di quello che le donne “sentono”. In questo modo le ragazze che pensano di essere fuori luogo con la loro taglia possono riconoscersi in quelle del calendario, riuscendo a vedere la bellezza che è in sé e accettarsi per quello che si è.

Questo non vuol dire che non si debba cercare di migliorare, ma va fatto rimanendo sempre se stessi, esaltando i pregi e amandoci per quello che siamo.

Il calendario serve, inoltre, a sensibilizzare le aziende a creare moda per un settore così vasto e in costante aumento. Le donne non si vergognano più delle loro forme, ma ne vanno orgogliose, le mostrano con gioia e soddisfazione.

Brand famosi come Dolce & Gabbana non hanno mai fatto mistero di amare la donna formosa e ora le loro taglie arrivano fino alla 54.

Calendario 2018

 

Calendario 2019


Barbare Christmann e il mercato italiano

Dolce & Gabbana a parte, il mercato italiano ha ancora molta strada da fare se non vuole fare lo stesso flop di Victoria Secrets. Il brand americano di intimo non produrrà più la sua sfilata televisiva a causa del crollo degli ascolti. Nonostante i bellissimi angeli del brand le donne non si sono riconosciute nei corpi perfetti delle modelle. Il direttore del marketing aveva sempre rifiutato modelle formose e il crollo degli acquisti è, con tutta probabilità, una delle conseguenze di una politica miope, che ha sempre rifiutato l’inclusione.

Il mondo della moda dovrebbe capire che le donne curvy, giovani e meno giovani, hanno voglia di vestirsi con stile. L’abbigliamento classico o informe non corrisponde alle esigenze delle donne. Ognuna vuole sentirsi bella e desiderabile e se i brand non capiscono questo, sono destinati a rimanere indietro.

Il mercato americano è molto più sensibile di quello italiano  a riguardo. Non solo il bravissimo stilista Christian Siriano presenta i suoi abiti stupendi facendo sfilare donne di tutte le forme fisiche e taglie, ma anche brand più economici, che sono quelli più accessibili al pubblico giovane, propongono indumenti fino alla taglia xxl.

Ho conosciuto Barbara quando ho chiesto a varie blogger di unirsi al progetto Real Women Day, che lo ha accettato con l’entusiasmo che la caratterizza. Sperando di incontrarla presto la ringrazio per il suo importante e costante lavoro a favore di noi donne formose.

 

Rita Palazzi
Pubblicato da