Alimentazione e salute, cosa fare per mangiare bene

E’ ormai assodato che l’alimentazione ha una grossa correlazione con la salute, vi ricordate che ne avevamo già parlato (link)?

Se mangiamo in modo corretto, l’incidenza di alcune malattie diminuisce. Ma cosa vuol dire mangiare in modo corretto?

Davvero la piramide alimentare ci dice in modo esatto quello che dobbiamo mangiare?

Come possiamo vedere dall’immagine alla base della piramide alimentare ci sono i carboidrati, quelli dati dai cereali: pasta, pane, riso.

Tutti quegli alimenti che spesso vengono banditi dalle diete dimagranti.

 

Quando eravamo un popolo di agricoltori era necessario un grande apporto di carboidrati dei cereali perchè dovevamo essere supportati nel prolungato lavoro fisico, ma con il boom economico la nostra richiesta di “benzina” è diminuita. Il lavoro è diventato molto meno manuale, ma le nostre abitudini alimentari si sono stabilizzate sul grosso apporto di cereali. Pane e pasta sono rimasti la nostra base alimentare, ma il nostro consumo energetico è diminuito, si è creato in questo modo uno squilibrio.

Questo squilibrio può  creare dei seri problemi alla nostra salute perchè favorisce l’insorgere delle malattie metaboliche: l’ipercolesterolemia (aumento del colesterolo nel sangue) e l’iperglicemia (aumento degli zuccheri nel sangue) concorrono all’insorgere del diabete e di gravi malattie cardiocircolatorie.

Cosa dobbiamo fare per “mangiare bene”?

L’eliminazione assoluta dei carboidrati dei cereali è un grande errore perchè l’organismo ha bisogno delle calorie dei carboidrati per sostenere l’attività fisica, non sarebbe la stessa cosa assumere i carboidrati della verdura perchè il loro apporto calorico è quasi nullo.

Quindi per mangiare bene dobbiamo ridurre l’apporto di carboidrati dei cereali, ma non toglierli del tutto, soprattutto nei giorni in cui si fa attività fisica e, cosa molto importante, è la scelta dei cereali integrali al posto di quelli raffinati.

Questa riduzione dei carboidrati dei cereali è necessaria soprattutto con l’avanzare dell’età, proprio in virtù della ridotta attività fisica.

E’ inoltre importante mangiare verdura e frutta, ma quest’ultima è ricca di zuccheri, quindi non bisogna eccedere.

Un discorso diverso è per i grassi, anche qui ne esistono di vari tipi. I grassi idrogenati che sono quelli industriali vanno evitati, mentre è importante assumere i grassi polinsaturi che sono l’Omega3 contenuto nel pesce e quelli monoinsaturi come l’olio di oliva, l’avocado, le noci, le mandorle.

Per quanto riguarda le proteine possiamo assumerle da carne e pesce, è intuitivo che le carni bianche e magre siano migliori di quelle grasse, possiamo anche assumere le proteine vegetali, ma ricordiamoci che i legumi contengono anche carboidrati oltre alle proteine.

E,’ inoltre, essenziale ridurre l’apporto di sale, magari usando qualche spezia in sostituzione, e quello dello zucchero che può essere sostituito dalla stevia. La stevia è una pianta stagionale che io ogni anno pianto tra le mie erbe officinali, se prendete una foglia e la mettete in bocca vi sembrerà di avere una caramella, per la sua dolcezza. Inoltre con la stevia in polvere dolcifico la colazione: latte o tè e la metto al posto dello zucchero nelle marmellate  che faccio con la frutta dei miei alberi.

E’ fondamentale aggiungere attività fisica: camminate a passo veloce ed esercizi mirati ci aiutano a bruciare e a rimanere in salute.

 

Il grasso addominale: perchè è importante ridurlo

Il lavoro aerobico: corsa e camminata

L’importanza del lavoro muscolare

Rita Palazzi
Pubblicato da

2 commenti

  • Sandro stramaccioni

    Grazie!! Seguirò i tuoi consigli

     
    • Rita Palazzi
      Rita Palazzi

      Grazie a te Sandro. Poche regole, ma da rispettare…