Come indossare un abito sottoveste e non sembrare in lingerie

Indossare un abito sottoveste senza sembrare in lingerie non è facilissimo. Il risultato dipende in larga parte dagli abbinamenti che scegliamo, che devono essere ben studiati.

Se vuoi un aiuto sulla scelta leggi questo articolo.

Come ogni primavera la seduzione regna sovrana e cosa c’è di più sexy e allo stesso tempo romantico di un abito sottoveste?

Di gran moda negli anni ‘90 con le modelle impazzite per lo stile, quello  trasparente indossato da Kate Moss è rimasto nell’immaginario collettivo e ha reso l’abito lingerie un abito da indossare per uscire.

Poiché non siamo tutte Kate Moss, scegliamo con cura l’abito sottoveste in modo da non sembrare uscite di casa in lingerie.

L’abito lingerie deve essere morbido, accarezzare il corpo senza segnarlo e creare delle nuance di colore nelle increspature durante il movimento.

Di solito è in raso di seta che dà vita a sfumature belle e accattivanti intorno al corpo. Può essere profilato con pizzo e avere diverse lunghezze e scollature.

A questo punto segniamo un primo requisito che il nostro abito deve avere: dobbiamo scegliere il modello che valorizza il nostro fisico.

Per le donne molto magre va bene l’abito molto scollato, con spalline sottili, per le più formose possiamo scegliere una scollatura meno profonda e una versione ancora più morbida sul seno e i fianchi.

Visto che mi rivolgo, in modo particolare, a donne che non hanno più vent’anni, immagino che qualcuna abbia già iniziato a storcere il naso. Non pensate che l’abito in sottoveste sia solo per le ventenni, ci sono tanti accorgimenti anche per chi non ama le scollature profonde e le braccia scoperte, se andate avanti con la lettura vi spiego meglio come fare degli abbinamenti “tattici”.

Come scegliere tra abito sottoveste lungo e corto

come indossare abito sottoveste
Olivia Von Halle
come indossare abito sottoveste
Michael, Michael Kors

L’abito sottoveste corto o al ginocchio si adatta meglio a una figura longilinea, può essere sdrammatizzato con sneakers o indossato con tacchi alti come proposto nelle immagini.

Se non vi sentite di indossare un abito sottoveste potete optare per un top lingerie, uno dei trend dell’estate. Molto più facile dell’abito perché non si pone il problema dei segni all’altezza dei fianchi, ha comunque lo stesso stile sexy.

L’abito sottoveste lungo si adatta sia alle donne magre che alle curvy, nel secondo caso è un grandissimo aiuto perché allunga la figura, la rende più armonica. Come ho già detto se non siamo molto magre va scelto un abito più lungo e più morbido.

L’abito lungo è perfetto in situazioni dove è richiesto un outfit elegante. In questo caso gli abbinamenti e la scelta degli accessori hanno una importanza fondamentale.

come indossare abito sottoveste
Anine Bing
come indossare abito sottoveste
Kiki De Montparnasse

Quale biancheria intima indossare con un abito sottoveste  

La scelta della biancheria intima è importantissima con questo tipo di abito.

La prima considerazione è sulla scena del reggiseno, le cui spalline non dovrebbero vedersi, ma rimanere nascoste sotto quelle dell’abito. La soluzione a questo inconveniente è il reggiseno a fascia.

Chi ha un seno piccolo e sodo può indossare l’abito senza reggiseno, ma non è una scelta che a me piace perché potrebbero vedersi i capezzoli da sotto l’abito.

Altra alternativa è la scelta di un reggiseno fatto apposta perché si veda: di pelle, con paillettes, di pizzo. Un reggiseno che dia ancora più charme al vostro outfit.

Per quanto riguarda le mutandine preferiamo quelle tagliate al laser che non segnano i fianchi e meglio se alte in vita.

I segni della biancheria sono da evitare sotto a ogni abito, ma sono terribili sotto l’abito sottoveste. Vi consiglio quelle di Chantelle, sono taglia unica e non stringono né sui fianchi né alle cosce. Io le uso sempre perché non si sentono e non costringono.  

Come abbinare un abito sottoveste?

Con stivaletti e giacca di pelle se volete dare uno stile rock al vostro outfit (meglio se tutto nero: abito, giubbotto e stivali) e se preferite coprire i fianchi indossate il trench (o qualsiasi cappottino) in pelle.

Se volete dare un tocco sportivo o se non vi piace mostrare le vostre braccia indossate una t-shirt sotto il vostro abito indossandolo con le sneakers.

Se volete essere super eleganti indossate l’abito sottoveste con sandali dal tacco alto e pochette, sopra potete indossare una giacca nella stessa nuance dell’abito.

Easy chic con un pull lungo sopra che lasci intravedere il pizzo dell’abito o con un cardigan lungo, sneakers o anfibi.

Il colore più facile da indossare? Sicuramente il nero.

L’abito lingerie è molto semplice come linea che ci consente di indossare molti accessori, ma al contempo è perfetto anche in stile minimal.

La mia scelta è per un abbinamento “grintoso”, all’abito sottoveste nero ho aggiunto un gilet nero di pelle lungo fino ai piedi. La pelle contrasta la femminilità dell’abito, creando un outfit audace. I sandali neri hanno un largo tacco in plexiglass, molto comodo. La borsa è nera, l’unica nota di colore è data dalla piuma del mono-orecchino.

Come avete visto l’abito sottoveste si presta a moltissime interpretazioni rimanendo sempre très chic, se il fisico ce lo permette è uno degli abiti da avere assolutamente nell’armadio e se il fisico sembra non permettercelo, usiamo gli abbinamenti che nascondano un po’ quelle che riteniamo le nostre imperfezioni.

Ricordiamoci che possiamo indossare questo stile anche d’inverno con maglioni o cardigan e con gli stivali.

Indosso

abito lingerie Sciara

gilet Ann Demeulemeester

sandali Phillip Lim

borsa Yves Saint Laurent

orecchino Dries Van Noten

occhiali Mikita per Maison Margiela

orologio Jäger Le Coultre

photo Alice Turchini

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su email

Scrivimi