blog in fete sito web a norma di legge ilaria bartolucci

Blog in rete: sito web a norma di legge con Ilaria Bartolucci

Ilaria Bartolucci

Continua il percorso di blog in rete con il tutor Ilaria Bartolucci avvocato del foro di Padova.

Se vi state chiedendo cosa c’entri un esperto di diritto con il blog dovete assolutamente leggere questo articolo.

Vi spiegherò con le parole dell’avvocato Bartolucci che non esiste attività umana non regolata dalla legge.

Anche se abbiamo l’impressione che su internet sia tutto permesso, le cose non stanno proprio in questo modo e, se non vogliamo incorrere in spiacevoli sorprese, dobbiamo essere consapevoli di ciò che è lecito fare.

Prima di spiegare come un blog è coinvolto nel diritto che si occupa della rete, llaria ci ricorda che il diritto si divide in:

  • Diritto Civile -> regola le relazioni e i rapporti tra privati
  • Diritto Penale -> stabilisce i comportamenti negativi rilevanti contro la comunità e ha sanzioni rilevanti fino alla reclusione.

La norma è la migliore soluzione a un problema e prevede una sanzione se non viene rispettata.

codici sono la raccolta di leggi (regolazioni di patti) e norme.

Già questa spiegazione ci fa capire che le leggi non sono delle regole punitive per il cittadino, ma la soluzione migliore per i nostri comportamenti.

Il rispetto di questi accordi tutela noi e le nostre controparti.

Tutto questo è inerente a un blog attraverso più aspetti quali:

  • privacy;
  • diritto d’autore;
  • contratti;
  • e-commerce.

Quindi dall’ideazione del blog ai suoi contenuti, ai rapporti con chi segue il blog fino alla vendita online, tutto è regolato dal diritto.

Blog in rete: sesto incontro

Il sesto incontro di blog in rete ci parla di diritto con l’avvocato Ilaria Bartolucci.

Un incontro denso di sorprese:

  • il diritto non è noioso;
  • il diritto serve per aiutarci, non per punirci.

La grande capacità comunicativa di Ilaria Bartolucci è in grado di rendere questo incontro interessantissimo, una giornata densa di informazioni trasmesse in modo chiaro e semplice.

Conoscere quali sono le regole del gioco ci fa capire che non sempre possiamo fare tutto da soli, ma è più proficuo avvalersi della consulenza di un esperto.

Ilaria ci fa la storia del blog che da diario virtuale, nato in America nel 1997, diventa un luogo dove è possibile esprimere liberamente le proprie idee, le proprie esperienze e le proprie conoscenze.

Il blog differisce dal giornale online perché il primo esprime il parere dell’autore, il secondo divulga notizie.

Non applicando al blog la normativa sulla stampa, il blog non ha l’obbligo di nominare un direttore responsabile, né quello di rispettare una periodicità della pubblicazione o di verifica della veridicità delle notizie.

L’autore di un blog ha l’obbligo al rispetto dei soggetti trattati e può incorrere nel reato di diffamazione se ne offende il decoro e l’onore.

Vediamo ora come il diritto viene applicato al blog e quali requisiti deve avere un blog per essere a norma di legge.

 Quali sono i requisiti di un sito web a norma di legge?

Per avere il nostro blog abbiamo bisogno di un nome di dominio (regolamentato dal Domain Name System), che ci permetta di essere trovati in rete e un noleggio di spazio internet, l’hosting.

Utilizziamo dei contratti per regolare questi servizi, così come per l’utilizzo di banner.

Attraverso i banner i nostri follower vengono indirizzati a dei siti dove possono acquistare determinati prodotti, al blogger viene riconosciuta una percentuale sulle vendite. Per questo motivo abbiamo l’obbligatorietà della partita IVA a prescindere dal volume d’affari che generiamo.

Sempre regolati da contratti sono le affiliazioni o l’e-commerce nel nostro sito. In questo caso abbiamo bisogno oltre la partita IVA anche della privacy policy in quanto trattiamo dati di persone fisiche e abbiamo l’obbligo di tutelarli.

Un altro aspetto importante che riguarda i blog sono i contenuti.

Alcuni di questi sono contenuti creativi e sottoposti a diritto d’autore o copyright:

  • testi
  • foto
  • filmati
  • musica
  • disegni;

altri contenuti sono invece sottoposti alla normativa sulla privacy:

  • sondaggi
  • banner
  • interviste
  • raccolta dati.

L’idea che possiamo scrivere e pubblicare testi o foto di altri senza alcuna autorizzazione è errato, la legge 633 del 1941 riconosce al creatore di un’opera diritti morali e patrimoniali.

Per essere in regola con il nostro blog, quando utilizziamo contenuti creativi che non sono di nostra proprietà, abbiamo bisogno di licenza d’uso. La licenza d’uso che riconosce il diritto morale della paternità dell’opera e il diritto economico.

L’articolo 91 sul diritto d’autore afferma:

  • la riproduzione è lecita dietro compenso;
  • deve essere indicato il nome dell’autore.

In rete esistono contenuti creativi, come foto, che possono essere utilizzati con delle licenze particolari, il titolare decide quali diritti concedere in uso, queste licenze sono le Creative Commons.

Dal 4 Maggio 2016 è entrato in vigore in tutta europa il General Data Protection Regulation (meglio conosciuto con il suo acronimo GDPR), che tutela in modo inequivocabile il diritto alla privacy.

Quando trattiamo i dati relativi a una persona fisica dobbiamo adottare queste misure al fine di garantirne la privacy:

  • richiedere solo dati pertinenti alla finalità per i quali sono trattati;
  • trattare i dati in modo adeguato, riducendo i rischi;
  • garantire la cancellazione dei dati personali senza ingiustificato ritardo;
  • assicurare che le misure adottate abbiano una protezione in tutta la fase del trattamento dei dati e per la loro finalità.

La privacy policy che ogni sito deve avere serve a informare l’utente. Gli elementi fondamentali che devono essere racchiusi in una informativa sulla privacy sono:

  • quali dati e perché vengono raccolti (finalità e base giuridica);
  • obbligatorietà del conferimento;
  • il periodo di conservazione dei dati;
  • chi sono i destinatari dei dati trattati (titolare, responsabile o incaricato);
  • se i dati vengono trasferiti a paesi extra- UE;
  • i diritti dell’interessato.

Oltre alla privacy policy un sito web deve avere anche una cookie policy, cioè una normativa sulla privacy che richiede ai visitatori di un sito web di accettare o meno l’utilizzo di cookie. Accettando si consente ai cookie di memorizzare o recuperare informazioni per marketing o profilazione.

Chi è Ilaria Bartolucci

Ilaria Bartolucci è un avvocato del foro di Padova.

Svolge la sua attività con specifico riferimento alle problematiche di diritto commerciale internazionale, societario e della famiglia.

Presidente e socio fondatore della Camera Minorile di Padova, associazione di avvocati aderente all’UNCM Unione Nazionale Camere Minorili.Mediatore civile presso la Curia Mercatorum di Treviso (2012) e dell’organismo di mediazione dell’Ordine degli Avvocati di Padova.

È socia di:

  • Assoreti PMI dal 2013, dal 2018 delegata provinciale per Padova
  • AIGLI Associazione Internazionale Giuristi di Lingua Italiana.

Oltre a tutti i titoli che le conferiscono autorevolezza e competenza come avvocato, Ilaria è una donna con una sensibilità spiccata. La sua gentilezza e la capacità di interpretare i bisogni dei suoi assistiti la rende una persona speciale.

Dico questo con cognizione di causa: mi sono avvalsa della sua competenza per il mio blog e il suo aiuto è stato prezioso.

Come ho detto all’inizio di questo articolo, non sempre siamo in grado di fare tutto da soli, rivolgersi alle persone giuste ci fa risparmiare tempo e denaro. E Ilaria è la persona giusta.

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su email

Scrivimi