Quale è la vera libertà?

 

 

La mia bella mamma

Mi è capitato più volte di leggere in qualche rivista o vedere in qualche social, donne mature che esultano per la libertà, finalmente, conquistata.

La libertà alla quale si riferiscono è quella di non tingere più i capelli e/o non acquistare più capi d’abbigliamento perché tanto ho l’armadio pieno e poi “quando lo metto”oppure smettere di truccarsi.

Quando ascolto o leggo queste affermazioni rimango abbastanza perplessa.

Ammiro le donne che decidono di non tingersi più i capelli perché hanno voglia di cambiare, mentre mi è difficile comprendere chi lo fa  perchè è faticoso prendersi cura di sé. Anche con i capelli bianchi (tra l’altro bellissimi) dobbiamo continuare con le sedute dal parrucchiere: un buon taglio e una messa in piega eseguita da mano esperta ci fanno apparire più belle sempre e comunque.

Prendersi cura di sé non è faticoso

Non credete che sia deprimente guardarsi allo specchio e vedere in noi stesse una persona poco curata e sciatta? Non è poi così faticoso vestire con cura che non vuol dire indossare scarpe con i tacchi e abiti eleganti, ma prestare un po’ di attenzione agli abbinamenti e al risultato finale.

Quando avevo vent’anni non mi truccavo mai, ma ora che ho superato abbondantemente i cinquanta mi vedo meglio con un filo di trucco, mi piaccio di più e non potrei rinunciarci.

In campagna vesto con indumenti “da lavoro” per tagliare l’erba, mettere a posto la legna, potare le rose e anche a lavoro (vi ricordate? Sono una fisioterapista) indosso sempre tuta e scarpe da ginnastica per essere libera di mostrare gli esercizi che poi i pazienti devono fare a casa, ma appena ho l’occasione (e per me l’occasione è anche andare a fare la spesa) mi vesto con attenzione e con buonumore. Mi diverte molto creare ogni volta un nuovo stile, in base all’umore e alla situazione. Bastano un paio di jeans e un gilet per essere chic (link).

L’abbigliamento rispecchia il mio carattere e il mio modo di essere, inoltre alimenta la mia autostima, se dovessi rinunciare a creare il mio stile e indossare cose in modo, per me, senza senso non mi sentirei a mio agio.

Per me non sarebbe assolutamente una conquista, ma una sconfitta.

Una persona curata dimostra un grande rispetto per gli altri oltre che per se stessa e questo a tutte le età.

Se si molla con il proprio aspetto piano piano tutto diventa faticoso e la nostra energia e curiosità diminuisce ogni giorno.  Mi viene in mente la mia mamma che diceva a 77 anni: “Non mi voglio vestire da vecchia” e, dopo avere passato sulle labbra il suo rossetto rosso, usciva a comprare i suoi abiti tutti colorati.

Ma non è per tutti così, magari c’è chi vive con gioia l’abbandono di scarpe e abbigliamento per vivere in modo nuovo.

Allora libertà è fare ciò che ci fa stare bene nel rispetto di noi stesse, a prescindere dalle scelte.

Mi piacerebbe tanto conoscere il vostro parere…

 

Nelle foto bellissime donne che rispecchiano perfettamente ciò che vuol dire prendersi cura di sé.

 

 

 

 

 

 

 

Rita Palazzi
Pubblicato da

4 commenti

  • Maura

    Hai perfettamente ragione Rita. E poi xche’ dovrei smettere di prendermi cura di me stessa solo perché sono piu grande. Fa parte di me, sarebbe come smettere di lavarsi il viso o i denti la mattina. Sono gesti che rimangono, cambiano si ma ti accompagnano tuuta un vita

     
    • Rita Palazzi
      Rita Palazzi

      Cara Maura non potrei essere più d’accordo con quello che dici! Buona giornata.

       
  • Ivana

    Curarsi è anche un po’ coccolarsi…
    é il piacere di stare con se stessa e concedersi qualcosa di bello, che non è solo “tempo”
    …possono cambiare le modalità per farlo, ma lasciarsi andare alla sciatteria sicuramente rende più triste… il punto secondo me è un altro : perché prendersi cura di sé sta diventando un peso quando dovrebbe essere un piacere?

     
    • Rita Palazzi
      Rita Palazzi

      Cara Ivana grazie per il tuo arguto commento. Lanciamo insieme questa domanda: perchè prendersi cura di se’ non è più un piacere, ma diventa un peso? sono anch’io curiosissima di sentire qualche risposta.