La comodità dell’abito a vestaglia

My Style Not Only Twenty

L’abito a vestaglia o wrap dress è stato inventato negli anni ’70 da Diane Fon Furstenberg e da allora è stato un successo crescente.

Comodo, pratico e sexy il wrap dress non ha né cerniere, né bottoni. In origine di jersey per modellarsi bene al corpo femminile è stato poi realizzato anche con altri tessuti. Aderente nel busto, si sovrappone e si chiude con una cintura dello stesso tessuto. La gonna è svasata e può essere di diverse lunghezze.

Facile e sexy

L’abito a vestaglia è facilissimo da indossare, estremamente femminile, la sovrapposizione del tessuto che si apre nel movimento lo rende sexy.

E’ un abito da avere nell’armadio per ogni occasione.

Come sapete, se posso,  cerco di comprare parte del mio abbigliamento a saldo e così è stato per questo abito di Ganni.

Quando l‘abito è arrivato ho visto che c’era stato un errore (da parte mia) nella richiesta della taglia e così il mio wrap dress era troppo stretto per me!

Poiché non erano più disponibili le taglie più grandi non ho potuto cambiarlo, purtroppo questi sono i rischi degli acquisti durante i saldi nei siti online.

Come rimediare se il wrap dress è troppo stretto

Non rassegnata a non indossare il mio bellissimo abito nero con grandi pois bianchi ho trovato un compromesso.

Poiché l’abito lasciava scoperto un’ampia porzione del reggiseno, ho deciso di indossare sotto un top a fascia che ho comprato nel negozio Topshop mentre ero a Glasgow (ma acquistabile anche online), l’effetto finale mi è sembrato accettabile.

Se avessi trovato la taglia più grande lo avrei preferito perchè avrebbe avuto più morbidezza sui fianchi, comunque anche così non è inguardabile, ma di sicuro il prossimo lo acquisterò in negozio in modo da poterlo provare…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Indosso

abito Ganni

top Topshop

borsa Chanel

scarpe Chanel

orecchini Dolce & Gabbana

occhiali Saint Laurent

anello Dior

photo Alice Turchini

Moda e umore: esprimere se stesse con lo stile

Rita Palazzi
Pubblicato da