Anteprima accessori primavera/estate 2018

Curiose di sapere quali saranno le novità per gli accessori della prossima stagione?

Gli accessori della primavera/estate 2018 avranno un comune denominatore: esagerare.

Orecchini e collane dovranno essere extra large e spesso anche indossati insieme e negli stili sono i più disparati.

Leggeri in cotone di seta e brillantini per Armani, come un quadro in una cornice per Balenciaga, stile Belle Epoque per Dries Van Noten, etnici per Saint Laurent e quasi eterei quelli di Marni.

Gucci propone collane grandissime e spesso indossate insieme, mentre Michael Kors opta per un’unico pezzo, ma grandissimo come una collana di fiori in stile Hawaiano.

Bello l’importante bracciale in resina di Proenza Schouler.

Lo stile texano

Givenchy propone stivali texani per la primavera/estate che arrivano al ginocchio, mentre Maison Margiela li taglia lasciando i talloni scoperti e li lega alle caviglie dando un tocco lezioso e femminile con l’aggiunta di un sottile laccio di strass.

Tacchi di 5 centimetri per l‘elegante décolleté di Bottega Veneta e per Miu Miu.

Valentino propone una scarpa tecnica con suola come se fosse una sneakers, ma la tomaia tutta ricamata.

Infine per ripararsi dal sole estivo Loewe ci presenta un cappello in stile coloniale che ci ricorda la Meryl Streep in La mia Africa, mentre invece Dior ripropone il basco, ma con l’aggiunta di una maliziosa e divertente veletta.

Giorgio Armani

 

accessori Not Only Twenty

Balenciaga

 

Dries Van Noten

 

Saint Laurent

 

Marni

 

Stile over fifty Not Only Twenty

Gucci

 

Stile over fifty Not Only Twenty

Michael Kors Collection

 

Stile over fifty Not Only Twenty

Proenza Schouler

 

Stile over fifty Not Only Twenty

Givenchy

Stile over fifty Not Only Twenty

Maison Margiela

 

Stile over fifty Not Only Twenty

Bottega Veneta

 

Stile over fifty Not Only Twenty

Miu Miu

 

Stile over fifty Not Only Twenty

Valentino

 

Stile over fifty Not Only Twenty

Loewe

 

Stile over fifty Not Only Twenty

Dior

 

Rita Palazzi
Pubblicato da

COMMENTA