Tendenza inverno 2017: le piume

style at 50 Not only twenty

Una delle tendenze più forti dell’inverno 2017 sono le piume, che già avevano fatto capolino nelle proposte della primavera/estate.

Le piume sono state le protagoniste delle sfilate autunnali: da Balenciaga a Jeremy Scott, da Prada a Alexander McQueen, da Max Mara a Calvin Klein, tutti gli stilisti hanno reso leggeri e ironici i loro outfit, proponendo abiti con orlo di piume o giacche o bordi nel cappotto o spolverini o stole ricoperti di piume; oltre a tutti i tipi di accessori: borse, cappelli, orecchini e scarpe.

Da sempre relegate alla gran sera, le piume sono proposte e accettate anche nel daywear. Zara le ha usate addirittura nello sportwear per decorare le maniche delle felpe.

Con il loro movimento danno un’aria sbarazzina e vagamente retrò a ogni outfit.

Come scegliere il plumage

Che scegliate un capo d’abbigliamento piumato o un accessorio, l’unica cosa alla quale  bisogna fare attenzione, soprattutto se indossato di giorno, è di non osare più di un pezzo alla volta.

Io ho scelto un abito viola in seta con piume grigie, ideale per la sera con scarpe con il tacco da indossare con calze nere coprenti o senza calze.

La mia proposta per il giorno è un outfit molto femminile, ma con un’impronta strong. L’ho quindi abbinato come fosse una blusa a pantaloni skinny neri, décolleté con cerniere, borsa con borchie e occhiali da sole con montatura importante per creare un look forte, unico accessorio super femminile la collana di perle di Chanel. Sopra la cappa nera.

style at 50 Not only twenty

 

style at 50 Not only twenty

 

style at 50 Not only twenty

 

style at 50 Not only twenty

 

style at 50 Not only twenty

 

style at 50 Not only twenty

 

style at 50 Not only twenty

 

style at 50 Not only twenty

 

style at 50 Not only twenty

 

style at 50 Not only twenty

 

Indosso

abito Sofie D’Hoore

pantaloni JBrand

borsa Paula Cademartori

orecchini Dior

collana Chanel

scarpe Saint Laurent

occhiali Kuboraum

photo Alice Turchini

 

Rita Palazzi
Pubblicato da