Accettare il proprio corpo

our body at over fifty age Not Only Twenty

La foto del Remembering di questa settimana è stata scattata alle isole Seychelles, uno dei paradisi terrestri e dei posti più belli che abbia mai visto. La foto risale a circa 18 anni fa.

La cosa che mi colpisce riguardandola è la trasformazione del mio corpo: nella foto fisico asciutto e tonico, nella realtà attuale rotondo e morbido.

Devo confessare che non è facile accettare una tale trasformazione, richiede tanto lavoro su se stessi.

Perché dentro di noi ci sentiamo sempre come quando avevamo trent’anni: e  se da un lato è un atteggiamento mentale molto positivo, dall’altra ci fa rincorrere quello che eravamo con stress psicologici enormi.

Diete ferree, palestra quotidiana, trattamenti estetici a go go e grandi sensi di colpa se si mangia un gelato o un piatto di pasta o se per una volta non siamo state a correre con 40 gradi.

Questa è una punizione che noi donne ci infliggiamo gratuitamente, poiché  siamo proprio noi i giudici più severi, e che ci rende stressate e vulnerabili.

Inoltre la rincorsa al fisico dei trent’anni non tiene conto di quello che siamo, delle nostre emozioni, del nostro percorso di vita, delle nostre passioni, del dolore che ognuno di noi si porta dentro e della gioia che ci fa amare la vita.

Pensare solo al contenitore mi sembra molto riduttivo, il contenuto è molto più stimolante.

E’ molto faticoso sembrare una trentenne e, credo, anche impossibile.

Come accettare la nostra età

La mia idea,invece, è quella di essere una piacevole cinquantenne.

E questo è possibile seguendo un’alimentazione sana, ma non vuol dire rinunciare al gelato, ad un bicchiere di vino con gli amici o ad un bel piatto di pasta ( in questo momento mi viene in mente la pasta con pomodoro e basilico, riesco quasi a percepirne l’odore). Vuol dire non abusare di olio, di zuccheri e di farine bianche. Cercare di usare olio a crudo, la stevia al posto dello zucchero e pane e pasta integrali, come linea generale.

Fare attività fisica: camminate lunghe ed esercizi per tonificare la muscolatura, pedalate in bicicletta o Pilates, ma tutto senza stress, non dobbiamo rincorrere nessuno, dobbiamo soltanto stare meglio con noi stessi.

Io consiglio anche trattamenti estetici e creme, per il piacere di essere coccolate e coccolarci..

Insomma dobbiamo imparare a volerci bene, perché se ci amiamo anche gli altri ci ameranno.

La bellezza delle persone non si misura in chili o in centimetri, ma in sorrisi.

Le persone serene, non in affanno alla ricerca dell’eterna giovinezza, sono per me le più belle ed interessanti.

Stamani mentre ero al mercato al banco dei tessuti, ho avuto la fortuna di conoscere una persona bellissima dal sorriso sincero e modi gentili. Dopo averle fatto i complimenti per l’abbigliamento (camicia di Pucci nella fantasia del bluette, rosa , bianco e nero e pantaloni bluette), con aria quasi timida mi ha detto: “Sono quasi imbarazzata, sa io ho 83 anni.”

Questo mi ha dato la conferma che la bellezza non sono gli addominali scolpiti, ma i modi e la voglia di vivere!

 

Rita Palazzi
Pubblicato da