Il viaggio continua…Marina del Cantone

Verso Marina del Cantone

husband and the bmw

 

Da Vico Equense la strada che si addentra nella costiera regala emozioni: poche curve ed appare improvvisamente la piana di Sorrento e la sua bellissima scogliera; poi inizia la salita sui monti Lattari e la vista spazia su tutto il golfo di Napoli; infine appare anche il golfo di Salerno con meravigliosi scorci sugli isolotti Li Galli davanti a Positano e, più lontano, su Praiano.

Seguendo il crinale si arriva a S.Agata sui due golfi; quindi si scende fino a Nerano e a Marina del Cantone, un vecchio paesino di pescatori su una piccola baia incastonata nella verde scogliera. Qui la strada finisce.

Ci siamo fermati alla Taverna del Capitano, una locanda fra le poche case affacciate sul mare, luogo ideale per immergersi nell’atmosfera della costiera: nuotate di prima mattina in solitudine, squisite colazioni, camminate lungo i sentieri nella macchia mediterranea verso la baia di Ieranto e Punta Campanella da dove sembra di poter toccare Capri con una mano, spaghetti alla Nerano e percoche nel vino bianco, relax sulla spiaggia ed alla sera, passata la confusione, il rumore delle onde e la luna sul mare.

La cena alla Taverna del Capitano è il punto esclamativo di indimenticabili giornate sia per la qualità della cucina di chef Alfonso Caputo che per le attenzioni che rivolgono ai loro ospiti Mariella, Claudio e tutto il loro staff….è stato molto difficile ripartire!

 

views

 

 

views

 

journey continues marina

 

journey continues marina

 

views

 

views

 

notonlytwenty

 

journey continues marina

 

the journey continues marina

 

marina del cantone

 

marina del cantone

 

marina del cantone

 

marina del cantone

 

views

 

baia ieranto

 

iews

 

breakast

 

breakfast

 

la taverna del capitano

 

pasta alla nerano

 

pasta alla nerano

 

percoche nel vino

 

gelato

 

the journey continues marina

 

notonlytwenty

 

alfonso caputo chef

 

the journey continues marina

 

the journey continues marina

 

alfonso caputo chef

Rita Palazzi
Pubblicato da